giovedì 22 febbraio 2007

Cassuola saracena di sgombri

Ingredienti per 4 persone:
4 sgombri freschi
200 grammi di farina di grano saraceno
200 grammi di farina di mais
1 verza piccola
1 cipolla piccola
½ carota
1 costa di sedano
1 foglia di alloro
½ bicchiere di vino bianco
olio e.v.o. intenso
sale
pepe

Procedimento: pulite gli sgombri e filettateli avendo cura di rimuovere tutte le spine, sciacquateli con cura e riponeteli in frigo appoggiandoli (dal lato della carne) su carta assorbente.
Tagliate la cipolla a lamelle sottili e tritatele grossolanamente, tritate finemente carota e sedano.
Tagliate i filetti di sgombro a tocchetti di circa 2 cm e infarinateli con le due farine miscelate al 50%. In una padella antiaderente scaldate 5 cucchiai di olio e saltate a fuoco vivace i tocchetti di sgombro con una foglia di alloro per 4-5 minuti fino a cottura. Tenete da parte conservando nella padella l’olio di cottura e gettando l’alloro.
Soffriggete bene il trito di cipolla, carota e sedano. Una volta colorito sfumate con il vino bianco e successivamente aggiungete la verza tagliata a lamelle sottili, salate e coprite con un coperchio, lasciate stufare a fuoco lento per circa 45 minuti, quindi scoperchiate e asciugate il tutto se troppo liquido (deve risultare piuttosto asciutto).
Nel frattempo preparate una polentina morbida con la farina di mais e di grano saraceno.
Quando sarà il momento di servire mantecate la polentina con 4 cucchiai di olio e del pepe nero a piacere, regolate di sale. Aggiungete alla verza lo sgombro e mescolate con delicatezza, regolate di sale e pepate.
Nel piatto mettete un fondo di polentina morbida e sopra essa sistemate la cassuola a forma di montagnetta quindi servite.


5 commenti:

Gabriele ha detto...

Se qualcuno ha voglia di sperimentare si potrebbe provare a tagliare la verza più grossa, prelessarla in acqua e quindi finirla in padella come indicato sopra ma cuocendola meno. Magari aggiungendo dell'acciuga al soffritto.

Ivan ha detto...

Devo dire che a mio avviso mancava un po' di sapore a questo piatto, forse si puo' aggiungere un po piu' di sgombro? Non saprei dire. Poi ho trovato che i sapori presenti rimanessero un po' poco amalgamati l'uno con l'altro, anche in questo caso non saprei come intervenire... vorrei stimolare un dibattito a questo proposito.(mi concentro sul futile, cosi' mi dimentico della crisi di governo)

Gabriele ha detto...

Concordo!
Per ora ho variato la ricetta aggiungendo le acciughe (più sapore) e mischiando gli sgombri in maggior quantità con la verza (anche qui più sapore). Da riprovare.
In assoluto però non lo vedo come piatto ultra saporito, anzi. A me non è piaciuta soprattutto la verza, credo si possa migliorare soprattutto li. Riproverò a breve e vi aggiorno!

Pescenaufrago ha detto...

Nella preparazione scrivi: "Aggiungete alla verza lo sgombro e mescolate con delicatezza, regolate di sale e pepate."
Ma la verza l'altra sera non l'avevi aggiunta dopo, sopra lo sgombro?

Gabriele ha detto...

Si l'altra sera si ma ho pensato che fosse meglio proporla così, dovrebbe amalgamare di più i sapori, poi i pezzi di sgombro che non si amalgamo li metterei sopra almeno si capisce subito cosa c'è dentro... quindi statificherei polenta, verza mista a sgombro, sgombro residuo. Questo a sensazione dopo averla provata la prima volta. Settimana prox riproviamo? :)